Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Metastasi al fegato, paziente guarisce con il trapianto. All’ospedale di Torrette l’unico caso al mondo

Da sinistra Marcello D'Errico, Sauro Longhi, Paolo Pierani, Michele Caporossi, Anna Laurenti e Marco Vivarelli


Protagonista della vicenda Silvia Fattori, una giovane donna di Staffolo sottoposta all'intervento nel 2014 dal professor Vivarelli con una tecnica innovativa. Da 5 anni ha un'ottima qualità di vita tanto da essersi sposata di recente. Due mesi fa la pubblicazione su una delle più importanti riviste scientifiche internazionali del settore


ANCONA – «Un nuovo successo targato Ospedali Riuniti di Ancona». È con queste parole che il direttore generale dell’Azienda ospedaliera regionale di Torrette, Michele Caporossi, ha definito il trapianto di fegato, unico al mondo ad aver curato con successo una metastasi al fegato e ad aver restituito salute e qualità di vita a una malata oncologica di Staffolo, in provincia di Ancona. Il trattamento chirurgico è stato illustrato questa mattina (9 luglio) nella sede della direzione ospedaliera di Torrette alla presenza del direttore generale degli Ospedali Riuniti di Ancona, Michele Caporossi, del primario che ha eseguito il trapianto, il professor Marco Vivarelli, direttore della Clinica di Chirurgia Epatobiliare, Pancreatica e dei Trapianti, del primario della Clinica di Oncoematologia Pediatrica del Salesi, Paolo Pierani, del rettore di UnivPM, Sauro Longhi, del preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Marcello D’Errico, della presidente dell’Associazione Italiana Gist, Anna Laurenti. Presente anche il papà della paziente.

Silvia Fattori, è questo il nome della donna trapiantata di fegato, che nel 2006 riceve l’infausta diagnosi di essere affetta da un Gist, un acronimo che sta ad indicare un gruppo di tumori stromali gastrointestinali che si sviluppano tra esofago e retto. Aveva 14 anni quando è stata presa in carico dall’Ospedale Salesi di Ancona, dove era seguita dal dottor Paolo Pierani, primario della Clinica di Oncoematologia Pediatrica. Dopo un iniziale miglioramento della patologia nel 2014 Silvia scopre di avere delle metastasi al fegato.



Da sinistra Marcello D’Errico, Sauro Longhi, Michele Caporossi e Marco Vivarelli

Nel frattempo è cresciuta, non è più una paziente della pediatria, ma il suo rapporto con il dottor Pierani resta sempre stretto, tanto che il medico le fa conoscere il professor Marco Vivarelli, primario della Clinica di Chirurgia Epatobiliare, Pancreatica e dei Trapianti. Per Silvia si apre la strada del trapianto di fegato, insieme alla speranza di poter guarire dopo aver tentato tutte le cure disponibili. E così è stato, perché ad oggi (9 luglio) Silvia è guarita dalla malattia che l’aveva colpita e da 5 anni sta bene, tanto che poche settimane fa si è spostata con il suo compagno e proprio in questi giorni è in viaggio di nozze. «Il trapianto è vita», racconta Silvia. Una storia che ha avuto un lieto fine grazie all’intervento eseguito con una tecnica innovativa nel 2014 dal professor Vivarelli. La stessa tecnica che nel maggio di questo anno è stata pubblicata da una delle riviste scientifiche più importanti del settore, l’American Journal of Transplantation. Un grande riconoscimento per gli Ospedali Riuniti di Ancona che mettono a segno un ulteriore primato, finendo alla ribalta internazionale. «Un bollino di qualità che conferma che il ragionamento che abbiamo fatto ha avuto un suo razionale scientifico importante», ha detto il professor Marco Vivarelli.

«Quello di Silvia è stato un trapianto particolarmente complicato ha ricordato il professor Vivarelli – perché erano già stati eseguiti in precedenza altri due interventi». Inoltre, come ha spiegato il primario, i trapianti di fegato venivano eseguiti solo per malattie croniche e non neoplastiche.
La tecnica innovativa realizzata dal primario ha permesso di bypassare il rischio di rigetto. «Un successo clamoroso», ha sottolineato Vivarelli, che a cinque anni dal trapianto (eseguito nel 2014) vede la paziente vivere un’esistenza caratterizzata da un’ottima qualità di vita. «I trapianti sono trattamenti che presuppongono l’impegno della collettività attraverso la donazione» ha ricordato il primario nell’evidenziare come le donazioni siano in calo: «Nelle ultime tre settimane ci sono stati 4 mancati consensi – ha detto – questo significa dare il via libera alla vittoria della morte». Sull’importanza della donazione è intervenuto anche Caporossi che ha ricordato come sia importante controllare le disposizioni rilasciate all’atto del rinnovo della carta d’identità. Il direttore generale ha invitato a dare il proprio consenso alla donazione.



Da sinistra Paolo Pierani e Marcello D’Errico

Infatti come ha evidenziato il direttore generale degli Ospedali Riuniti Michele Caporossi, un 20% dei pazienti muore in attesa di un trapianto

«Una storia bellissima che dona speranza ai pazienti», ha detto la presidente dell’Associazione Italiana Gist, Anna Laurenti, che ha sottolineato come «diffondere un epilogo positivo fa bene».
«Un intervento di alta specializzazione» ha osservato il rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Sauro Longhi, che «ridà la vita attraverso la donazione di un organo a un’altra persona. Una cosa che fino a qualche anno fa era impensabile, ma che adesso possiamo realizzare e sicuramente nel futuro riusciremo addirittura a creare degli organi da trapiantare, evitando i vincoli che la donazione ci pone. Nel frattempo però è importante donare, è un atto d’amore».
Il preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche, Marcello D’Errico, citando le parole di Silvia Fattori, ha ricordato come il trapianto cambi la vita. «Abbiamo un Servizio Sanitario Nazionale incredibile e da difendere – ha detto – . In America un trapianto di questo tipo non sarebbe stato possibile senza copertura sanitaria e infatti l’aspettativa di vita negli Stati Uniti è di 7 anni inferiore rispetto all’Italia. Il professor Vivarelli è un’eccellenza della Facoltà e dell’Azienda, sintesi della simbiosi tra l’Università e l’Ospedale, dove didattica, ricerca e assistenza si fondono».
Oggi il Salesi e il Centro trapianti di Torrette sono eccellenze in ambito ospedaliero che servono un grande bacino che va ben oltre i confini regionali e si spinge in Umbria, Abruzzo, Molise e Puglia.

Fonte: centropagina.it



Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione