Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

epatite b con cirrosi epatica

stanchezza,spossatezza,riduzione di peso, vertigini,camminare sulle uova
nel 1994 ho contratto l'epatite b. dopo vari controlli risultavo portatore sano del suddetto virus, e così ogni anno ho fatto i controlli ed il mio medico di famiglia riferiva che era tutto a posto. nel 2014 inizio a sentirmi stanco con poca voglia di fare, inizio anche a perdere peso, senzazione di vuoto, e come se mi estraniassi dal mondo, ma a detta del medico era un problema psicologico. cambio medico e dopo vari controlli e vari specialisti (ognuno con visite a loro dire necessarie) siamo arrivati al verdetto:cirrosi epatica con stato evolutivo aggressivo. oggi ho aderito al programma entecavir con l'assunzione a vita del farmaco baraclude. non volendo arrendermi ho consultato altri due medici i quali concordavano che non posso guarire ma,anzi, devo aspettarmi dei peggioramenti. non ho mai bevuto,mai fumato, a cosa è servito se comunque sono un malato irreversibile.veramente non c'è più nulla da fare?esiste anche fuori italia un centro dove io possa essere usato come cavia per guarire?e' vero soprattutto che la cirrosi è il punto di non ritorno?sarei grato che qualcuno possa rispondere a queste domande e ringraziando anticipatamente rispettoso porgo i miei distinti saluti
Dott.ssaC.Di BenedettoMedico specialista in Medicina Interna.
USC Gastroenterologia 1
AO Papa Giovanni XXIII Bergamo

la cirrosi epatica avanzata è una condizione clinica irreversibile pertanto l'unica possibilità, in caso di gravi complicanze a prognosi rapidamente infausta, è la valutazione per un trapianto epatico. esistono diversi centri trapianti in italia in cui è possibile rivolgersi per iniziare un percorso di valutazione alla candidabilità del soggetto al trapianto, poichè esistono precisi criteri di selezione dei candidati. si rivolga al suo epatologo per richiedere chiarimenti in merito a questa possibilità alla luce del suo specifico quadro clinico.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione